Segui
su Facebook!

Bocasalina a Numana, l’innovazione parte dalla materia prima. E TripAdvisor promuove a pieni voti

Il vertiginoso successo del Bocasalina, l’emergente, anzi vincente, ristorante di Numana, sembra smentire tutti coloro che parlano di crisi del settore enogastronomico. Proprio sotto i riflettori della Riviera …

tyche chef - bacasalina restaurant numana (17)Il vertiginoso successo del Bocasalina, l’emergente, anzi vincente, ristorante di Numana, sembra smentire tutti coloro che parlano di crisi del settore enogastronomico. Proprio sotto i riflettori della Riviera del Conero nasce una delle novità 2015 più gustose della terra marchigiana. Nessuna operazione di marketing per Andrea Iachini, Eugenio Gallo e Jacopo Ascani, gestori del limitrofo Sottovento. I tre puntano sulla cucina dello chef Simone Stacco e si affidano all’abilità in sala di Ronnie: nomi noti del settore a cui affiancano la loro capacità di saper intrattenere e coccolare la propria clientela. Gli ingredienti del successo? Al Sottovento affidano la leggerezza dello stare insieme unito ad una cucina semplice e collegata al divertimento. Per il Bocasalina invece l’attenzione è rivolta ad una buona cucina, attenta alla materia prima da proporre. E attenta pure al conto finale. In mezzo c’è esperienza e voglia continua di innovazione. Ancora deve scattare il primo anno del Bocasalina ma i risultati sono formidabili: quel terzo posto a TripAdvisor nella classifica dei migliori ristoranti della provincia di Ancona è sorprendente. Proprio dietro ai guru marchigiani e nazionali Mauro Uliassi e Moreno Cedroni, non si poteva chiedere di più.

tyche chef - bacasalina restaurant numana (18)Entriamo al Bocasalina. Un locale che si presenta davvero bene. Trasuda in ogni accorgimento l’eleganza del mare. Eleganza che si scopre a tavola e nei particolari. Tovaglia bianca ben curata, con righe di panno grezzo. Innesti quasi provenzali, di uno stile che non passa mai di moda. Siamo prossimi al Natale e ci chiediamo quanto sarà bello tornarci d’estate, inondati dalla luce della Riviera. Lo faremo. La nostra esperienza culinaria inizia con una serie di crudità. Servite senza timore, grazie alla consapevolezza della qualità del prodotto. I piatti li accompagniamo con il Verdicchio, come è piacevolmente ovvio che sia!

bocasalina (1)C’è un’ostrica della Normandia con sedano e mela verde. E’ proprio la mela “rinfrescante” che fa la differenza e ci apre al carpaccio di ricciola con olio al miele, sale Maldon affumicato e semi di girasole. Un pesce prelibato, eccellente, che acquista un sapore del tutto inaspettato (e ovviamente piacevole) con l’olio al miele. Miele, capito? Ci siamo. Arriva poi uno dei piatti più richiesti al Bocasalina, anche a nostro gusto uno dei più ben riusciti. Sandwich di baccalà mantecato al latte, con cipolla rossa di Tropea caramellata, rucola e riduzione di aceto balsamico. Quando il baccalà è così spumoso diventa un piacere, con la cipolla che insaporisce tutto con un bel contrasto. Quindi eccoci di fronte ad una tartare di tonno e scalogno al Martini, pistacchi tostati e salsa di panna acida e yogurt.

bocasalina (4)Merito della qualità del taglio, il tonno si scioglie subito in bocca. Il pistacchio è un sapore che è entrato con forza in cucina e in questo piatto ci sta di un bene… Aiutato poi dalla salsa che mitiga tutto. Non stona. I cibi iniziano ad avvicinarsi al fuoco. Calamari scottati con puntarelle, mandorle tostate e salsa di mandarino. L’odore è di verdure, si sente il calore. I calamari combinati con l’agro ricordano a qualcuno di noi gusti asiatici raffinati. C’è questo rimando, se ci è permesso a scriverlo. Ci portano le capesante appoggiate su di un letto di crema di topinambur e tapioca, amaranto e quinoa. I legami sono perfetti, con l’amaro del topinambur che si smarca. Bella sensazione.

bocasalina (7)Torniamo subito con il pesce e verdure. Le mazzancolle vengono adagiate su un letto di bietola con pasta brick, chips di carciofi e fumetto di crostacei. Anche qui, tutto è assolutamente ben legato in un’armonia dosata. E per chiudere, raviolo di broccoli, con crema di patate al profumo di acciughe. Ogni volta che incontriamo l’acciuga c’è un sussulto. bocasalina (13)Arriviamo ad un tris di dolci, davvero elaborati. Semifreddo al caffè con croccante, nocciole e mandorle, con gelato al cioccolato, caramello e biscotto alle mandorle (c’è il VERO caffè, sentiamo il chicco); crema catalana di agrumi (un ottimo sapore “celato”); lemon tart con meringa, gelato al lampone e frutti rossi (un gelato freschissimo, che freme).

Kruger Agostinelli

Michele Mastrangelo

(Foto e video Federico De Marco)

Invalid Displayed Gallery


Prossimi Eventi

Partecipa alla discussione